5 storie sulle partite truccate nella storia del calcio

Combine e Simulazione – Il calcio non è solo ricco di belle combinazioni e goal brillanti. È anche ricco di azioni deplorevoli. Vediamone 5:

La vergogna del Marsiglia titolo vincente marsiglia Nel maggio 1993, il Marsiglia era vicinissimo alla vittoria del quinto titolo. Il motivo per festeggiare si è presentato nel caso della vittoria sul Valenciennes che avrebbe portato al titolo di campionato nazionale. Così è successo e Les Olympiens erano esultanti. Tuttavia, dopo che la polizia ha trovato una grossa busta di contanti nel giardino di casa dell’attaccante del Valenciennes Christophe Robert e la confessione del calciatore, che ha direttamente coinvolto il Presidente del Marsiglia Bernard Tapie con una tangente sua e in più altri due calciatori del Valenciennes, la situazione si è ribaltata. Il Marsiglia non solo ha perso il titolo, ma è stato anche escluso dalla Coppa Europea per la stagione successiva, è stato espulso dalla UEFA e da Super Coppe Intercontinentali e Bernard Tapie è finito in prigione dove ci è rimasto per otto mesi. Scandalo combine calcio brasiliano Uno dei più grandi scandali nella storia del calcio brasiliano è stato scoperto nel 2005. Due arbitri, Edilson Pereira de Carvalho e Paulo Jose Danelon, sono stati arrestati dalla polizia, interrogati e, sotto pressione per una prova inconfutabile, hanno confessato di essere stati comprati per fare in modo che i risultati di diverse partite principali del Campeonato Brasileiro avessero l’esito sperato da certi “uomini d’affari”. Erano investitori (anonimi) che collaboravano con due siti di scommesse e di conseguenza si sono fatti milioni con scommesse sulle partite truccate. Si sospettava che fossero undici le partite truccate in totale e per ordine del tribunale sono state annullate nonostante gli sforzi delle squadre coinvolte che puntavano a revocare la decisione. Scandalo scommesse calcio britannico dal 1915 È forse se non il più vecchio, uno dei più vecchi casi di combine. Ha coinvolto le squadre del Manchester United e del Liverpool e risale tutto al 1915. Il Manchester era sull’orlo della retrocessione e aveva disperatamente bisogno di vincere. Il Liverpool era al centro del tabellone con niente da cercare. I calciatori di entrambe le parti hanno concordato di terminare l’incontro con una vittoria del Manchester 2-0. Per giunta hanno piazzato scommesse sul risultato. La partita è stata giocata di Venerdì Santo e infatti è finita con il risultato concordato. Tuttavia, le prestazioni sul campo erano talmente evidenti che persino i fan devoti del Manchester si sono accorti dell’“esitazione” del Liverpool a vincere la partita. bundesliga2005 Scandalo italiano “Calciopoli” È forse il caso più diffuso di combine nella storia del calcio fino all’esito giuridico dello scandalo “Coreopolis” in Grecia che lo supererà di gran lunga. È iniziato tutto con le indagini sulla società di consulenza GEA World S.p.A. Le conclusioni hanno portato alla luce il coinvolgimento delle migliori squadre italiane sia di Serie A che di Serie B nel creare una vasta rete di arbitri e ufficiali che manipolavano le partite. Le squadre in questione erano: Juventus, Milan, Fiorentina, Lazio e Reggina. Le indagini hanno rivelato le trascrizioni di conversazioni telefoniche registrate fra manager, ufficiali e organizzazioni entrate in possesso della polizia in seguito a ordine del tribunale per revocare tutte le ingiunzioni legali in modo da monitorare le conversazioni telefoniche personali. 26 persone sono state consegnate alla giustizia insieme alle squadre menzionate, punite con varie pene da multe, a perdita di punti sul tabellone, alla retrocessione a una categoria inferiore. Scandalo Bundesliga Una frode calcistica di 2 milioni di € è stata scoperta in Germania nel 2005 e ha scatenato una violenta reazione nell’intera struttura calcistica tedesca. L’arbitro Robert Hoyzer ha ammesso di manipolare i risultati di partite della seconda e terza lega della Germania e della Coppa tedesca. La sua combine più efficiente è stata quella sulla partita fra Amburgo e Paderborn dove ha mandato via Emile Mpenza e ha ammonito per due penalità incerte. La sentenza originale ordinava 29 mesi di prigionia ma Hoyzer è stato rilasciato dopo un solo anno dalla sua incarcerazione.